giovedì 3 novembre 2016

In memoriam P. Tommaso Toschi o.f.m.

In occasione delle esequie di P. Tommaso Toschi o.f.m. l'Ambasciatore d'Ungheria, Eduard Habsburg-Lothringen ha indirizzato il seguente messaggio alla comunità dei Frati Minori di Bologna.


Reverendissimo Padre,
          con profonda commozione ho appreso la notizia della morte di P. Tommaso Toschi e vorrei far giungere, a nome dell’Ungheria che ho l’onore di rappresentare, le espressioni più sincere di cordoglio a tutta la vostra Comunità. Solo pochi giorni or sono mi è giunto un suo messaggio che diceva: “Io prego per voi, voi pregate per me”. Vorrei adempiere a questa sua richiesta, ricordandolo in special modo domani, in occasione della nostra veglia in ricordo della Rivoluzione del 1956 nella Chiesa di S. Stefano Rotondo a Roma.
Proprio in questi giorni ricorre, infatti, il sessantesimo anniversario della Rivoluzione e Guerra d’Indipendenza ungherese del 1956. Il ricordo di quell’evento, di fondamentale importanza per il popolo ungherese e per il mondo intero, ci porta a fare memoria di quanta solidarietà ed assistenza l’Ungheria e i suoi esuli hanno ricevuto in quei giorni e in seguito alla cruenta repressione della Rivoluzione medesima. Con grato animo pensiamo a Padre Toschi, già collaboratore stretto del Cardinale Giacomo Lercaro, Arcivescovo di Bologna. In quei tragici ma insieme gloriosi giorni egli fu uno degli artefici della manifestazione solenne e commovente di affetto e di simpatia per la Nazione ungherese. Si è, poi, prodigato per soccorrere gli esuli ungheresi, aiutandoli ad iniziare una nuova vita. Fu un investimento di amore che come tale rende sempre copiosi frutti. Così è stato per la Nazione ungherese, la quale, grazie anche alle preghiere pronunciate a Bologna in quei giorni di sessanta anni fa, poté mantenere viva nei cuori la fiamma della libertà e di riconquistarla, in seguito, con altri mezzi.
In occasione delle esequie del compianto Padre Tommaso Toschi desidero esprimere, a nome del mio Governo, tutta la gratitudine dell’Ungheria per quanto egli, assieme alla Chiesa di Bologna ha fatto per il nostro Popolo con le sue azioni e, soprattutto, con le sue preghiere.
            Voglia credere, Reverendissimo Padre, all’espressione della mia più sincera stima,
 
Eduard Habsburg-Lothringen
Ambasciatore d’Ungheria presso la S. Sede
 
 

Nessun commento:

Posta un commento